due timide proposte dell’…OSTE (fan anche rima)

Protesta
caro presidente, visto che ce la scriviamo tra me e te perchè o qui non ci legge più nessuno oppure il costume italico ormai è quello del lamento nel privato; perchè ogni volta che incontro qualcuno non si fa altro che criticare la politica ma poi nel pubblico tutti abbottonati…paura di essere segnati come pericolosi sovversivi? paura di perdere posti, contratti, affari?ma non ditemi che è inutile perchè poi se la casta continua a farci fessi allora è anche perchè sa che tanto noi brontoliamo, c’incazziamo (ma non seriamente!!!) senza fare veramente qualcosa per dare un segnale forte.
per esempio: se si facesse una bella manifestazione in piazza e invece di esserci i soliti 150.000 pensionati + i soliti 100.000 lavoratori di varie categorie (cassintegrati, esodati, mobilitati, precari, ecce ecce ) + insegnanti + studenti (tot quando va benissimo 2 milioni???), bene se invece ci facessimo vedere in piazza tutti belli e tranquilli compresi dirigenti, quadri, impiegati, avvocati, medici, persino qualche notaio, commercialisti, commercianti, consulenti di ogni genere, imprenditori grandi, medi e piccoli, (mi piacerebbe Luca di Montezemolo con una bella bandierona oppure a reggere lo striscione di Confindustria, fianco a fianco di Squinzi e Della Valle) artigiani, edicolanti, giornalisti, benzinai, e tanto popolo extracomunitario con i loro figli nati qui ma senza diritto di cittadinanza…e con questi le loro mogli/mariti, e i figli anche piccoli sul collo…insomma se un giorno scendesse in piazza un 15-20 milioni di persone, per dire che ne abbiamo le scatole piene, ma lo diciamo e lo facciamo vedere non solo attraverso i sondaggi e i numeri dell’astensionismo, ma della presenza in carne ed ossa a riempire le piazze. E con la polizia e i carabinieri, questa volta a stare con le braccia dietro la schiena perchè a qualche centinaio di studenti-operai-disoccupati li puoi anche manganellare e trascinare per terra ma a un popolo pacifico così, ti togli il cappello e non puoi che dire che stavolta non è democrazia in diretta e quindi, signori cialtroni della politica, questa volta l’invito del presidente “a casa. Tutti.” non può rimanere lettera morta.

Consiglio dell’oste al sig. Bersani.
Caro signor Bersani, mi permetto di scriverti da questo sito di amanti delle sabbie per dirti che sarebbe il caso, dopo l’uscita patetico-cretina di Berlusconi, di fare comunque un passo importante per dire a noi italiani, sostenitori tuoi ma soprattutto ai NON sostenitori tuoi, che vuoi DAVVERO rinnovare la compagine e la proposta del centrosinistra.
Secondo l’oste che conta men che zero, tu dovresti farci un regalone natalizio, ma anche befanifero, ma non oltre, però, perchè, come si sa, l’epifania tutte le feste porta via e non vorrebbe (l’oste) rimanere senza regalone.
Allora si tratterebbe di questo: dovresti farci avere, nero su bianco, un bel pezzo di carta su cui scrivi i nomi di quelli che saranno i ministri, i sottosegretari e gli altri importanti personaggi che dovranno governarci nella prossima legislatura. Se tra questi non ci fossero tutte le cariatidi che da oltre 3 legislature si alternano ora su questa ora su quella sedia, allora sì che il popolo e tra questi anche l’oste delle sabbie, potrebbe tranquillamente sbeffeggiare quel vecchio post fascista, bungabunghiere, affaristaccione (questo me lo sono appena inventato, che ne dite?) che ci sta riproponendo per la sesta volta il peggio del peggio del peggio. Allora sì che potremo dire che anche stavolta noi spero che me la caviamo Grin Wink Cool

Lascia un commento