A volte ritornano

Dopo i 15 giorni di svago politico, movimentati dalla bagarre Bersani – Renzi, ci tocca tornare bruscamente con i piedi per terra.
Lo stesso Bersani apre le danze bocciando tutte le proposte di legge elettorale invece di prendere il toro per le corna e proporre con il piddì una legge tutta intera e vedere chi dice di sì e chi dice di no: fare, non rompere i maroni alla tivù.
Dopo di chè arriva Berlusconi: come conseguenza delle promesse fatte al popolo, del tipo “me ne vado se non riduco le tasse”, “non mi ricandido”, “faremo le primarie ” e così via, adesso minaccia di tornare alla grande e candidarsi come primo ministro del prossimo governo: lo spread guadagna 100 punti.

Veramente al peggio non c’è mai fine, e questa classe politica ci sta dimostrando come anche quando la nave fa acqua i topi si accaniscono sulla cambusa con ferocia inusitata.   E la verità sulla legge elettorale viene fuori poco alla volta: il “porcellum” fa comodo ai partiti politici, nessuno di loro lo vuole abolire, nemmeno il piddì, nemmeno Grillo.

Il popolo italiano rimane il miglior esempio di quale sia la distanza tra govarnanti e governati: messi di fronte ad una reale opportunità di esprimersi, le primarie del centro-sinistra, si sono recati in massa a votare. Cosa succederà quando saremo chiamati a votare nuovamente con il porcellum ?

…già, ma ci saranno poi le votazioni per il parlamento ? … o ci stanno preparando il sorpresone finale ?

A casa.Tutti.

Un pensiero su “A volte ritornano

  1. Caro presidente,
    rientro in ufficio dopo che in auto ho sentito le ultime notizie: il PdL annuncia di passare all’…astensione dopo che un ministro ha osato esprimere la sua opinione circa una possibile mossa del Berlusca (ritorno in campo!) e deciso a scrivere un mio commento, ma tu mi hai preceduto e alcune delle cose che avrei voluto scrivere le trovo messe giù molto bene da te.
    Quindi Berlusconi sembra deciso a salvare l’Italia portata sull’orlo del baratro dal governo che ha sostenuto ed ora sostiene con l’astensione Shout Pissed Off
    Lo vuol fare sostenuto dal popolo che ne reclama a gran voce il ritorno, ma specie dai suoi uomini fidati. Anche se sembra che qualche pezzo lo sta perdendo; la dichiarazione in diretta su La7 dell’ex sottosegretario Crosetto è stata toccante e indicativa di un galantuomo.
    Vero che il PD oscilla di qua e di là come l’omino che non cade mai, ma bisognerà farlo cadere prima o poi, così come spero che queste elezioni, prossime mi auguro, diano la mazzata finale a quel vecchio incosciente, spergiuro, bungabunghiere, sostenuto da quel pezzo d’Italia che se l’è mangiata tutta ed i soldi li ha messi al sicuro nei paradisi fiscali.
    Nel giorno stesso in cui si conoscono i dati record della cassa integrazione, dopo che abbiamo appena saputo del nuovo record della disoccupazione, giovanile e non, a cosa pensano i nostri? Che non si può esprimere una opinione non faziosa (figuriamoci se Passera attacchi Berlusconi sul piano della simpatia/antipatia) bensì basata sulla costatazione che la ridiscesa (e sarebbe la sesta volta!!! la sesta, neanche nei paesi dinastici si è mai arrivati a tanto Really Pissed ) del Berlu avrebbe effetti tristemente depressivi per la nostra ancor malata economia! E i mercati gli stan dando ragione. Mentre le altre Borse oggi sono positive, la nostra è in rosso pieno e lo spread naturalmente riguadagna quota.
    Ci manca che facciano cadere in anticipo questo governo che, seppur non pienamente condiviso dall’oste, ma questo poco importa, poteva consegnare il paese ad un evento elettorale in maniera pulita e normale di fronte all’opinione internazionale.
    Invece, finirà che saremo attaccati, derisi, sbeffeggiati peggio dei greci che almeno lacrime e sangue ma un pò di cambiamento lo stanno facendo.
    Non se ne può proprio più. Elettori della destra spero non vi mettiate a 90° per l’ennesima volta perchè con Illo alle spalle l’esito è assicurato! Cool Laugh

    PS- ancora una volta, al di là delle critiche che invece di scrivere di africa noi qui si parli di politica, lo voglio ribadire: se vogliamo sperare di tornare tra le sabbie occorre che questo paese torni sulla strada della ripresa economica e civile. Altrimenti saran sempre meno coloro che potranno permettersi di investire qualche centone per un tour liberatorio nei paesi del Maghreb.

Lascia un commento